La Stanza del Silenzio

La stanza del silenzio.

E’ ciò che compare sul link del mio blog.
Direi che a stare in silenzio ci sto riuscendo benissimo. E nonostante questa prolungata assenza, noto che ogni tanto si registra un follower in più. Ringrazio molto chi pone le sue aspettative in questo posto, aspettative di leggere qualcosa di gradevole o interessante. E mi dispiace davvero che ultimamente ho fin troppo trascurato non solo di scrivere, ma anche di leggere e di partecipare nei blog altrui.

In verità, sono settimane che penso a come voler scrivere quello che vorrei esporre, che butto giù qualcosa, poi lascio là… E in tutta franchezza sono lieta di non aver buttato giù istintivamente tutta la negatività che provo negli ultimi tempi. Sono parecchie settimane che, mentalmente, penso e ripenso alle parole da usare per quello che vorrei dire, ossia dare una motivazione della mia assenza, ma non voglio trovarmi a pentirmi per aver detto più del necessario. Anche perché scrivere certe cose, metterle nero su bianco è come se desse la conferma della loro esistenza e concretezza. Scripta manent, dicevano gli antichi… Continua a leggere

Annunci

Gli errori più comuni nei manoscritti, e alcuni suggerimenti di Panda Edizioni

Io sono una che detesta leggere, specialmente via internet da chi spaccia verità di vario genere o si innalza a “professore dell’etere” in un qualsiasi campo, svarioni grammaticali di ogni genere.
In realtà detesto leggere errori grammaticali ovunque, anche nei messaggi Whatsapp. Sarà deformazione professionale da filgia di professoressa di Italiano….
Ecco perchè ribloggo questo post, per tenerlo a mente per me e per il mondo.

Il blog di Panda Edizioni

Vogliamo oggi affrontare lo spinoso tema degli errori più comuni che riscontriamo nei manoscritti dei nostri autori, e ciò sia come strumento utile affinché gli autori stessi comprendano il motivo di molte correzioni sia come suggerimenti per gli aspiranti scrittori in generale.

Alcune indicazioni infine sono utili solo per chi pubblica – o pubblicherà – per Panda Edizioni, in quanto ogni Casa Editrice possiede il suo Manuale di Redazione (ovvero il manuale con tutte le regole redazionali e di impaginazione specifiche per le proprie collane), pertanto possono variare, e di molto.

Partiamo quindi con la carrellata degli errori più comuni, incominciando da quelli più “sgraditi” in sede redazionale:

1) La consecutio temporum, ovvero la concordanza dei tempi.

https://it.wikipedia.org/wiki/Concordanza_dei_tempiConsecutio

Questa è la vera bestia nera della redazione, e il perché è presto detto. Ci sono manoscritti con un solo “piano temporale”: il protagonista vive il proprio tempo al presente, oppure…

View original post 1.612 altre parole

Autunno in Tag

Buonasera!

Ho parecchi tag in arretrato cui dovrei adempiere, per il momento rispondo subito a questo, fresco fresco.

autunno

E’ arrivato l’Autunno, la stagione di transizione tra il caldo torrido dei mesi estivi e il freddo gelido dei prossimi mesi.
Io preferisco di gran lunga l’Estate, con il suo caldo asfissiante, l’andare in giro con vestiti leggeri addosso e senza giacche ingombranti, maglie e maglioni.
Ma anche l’Autunno ha i suoi motivi per farsi voler bene e per darmi l’opportunità di dimostrarlo ringrazio Laura
Ebbene, ecco le mie tre ragioni, ma non prima di aver svelato le regole: Continua a leggere

Review – Independence Day: Rigenerazione… era meglio se non si rigenerava

Sto lasciando passare un po’ troppo tempo tra un post e l’altro. Mi piacerebbe riuscire a scrivere di più, ma avere la propria postazione pc nel salotto di casa, dove si trova anche la tv, è una situazione che impedisce la possibilità di fermarsi a riflettere e pensare, per riuscire a scrivere qualcosa che non somigli a frasi senza senso mischiate senza logica.

Vabbè, tralasciamo i miei sensi di colpa e di frustrazione per non poter fare di meglio e veniamo al tema del post.
Stasera sono qui per dirvi cosa ho pensato del film Independence Day: Rigenerazione.

independence-day-sequel-poster

Independence Day: Rigenerazione è il seguito del famosissimo Independence Day del 1996, che ha avuto un grandissimo successo grazie anche alla presenza di attori come Will Smith (diciamolo: la sua partecipazione in una pellicola è sempre una garanzia di qualità) e Jeff Goldblum (che per me sarà sempre il fantastico Ian Malcom di Jurassic Park, colui che proferiva la seguente frase: “Dio crea i dinosauri. Dio distrugge i dinosauri. Dio crea l’uomo. L’uomo distrugge Dio. L’uomo crea i dinosauri”).

Fin dalla prima visione del trailer ero rimasta un po’… come dire… perplessa? Scettica? Molte immagini catastro-apocalittiche, troppo cariche anche per i miei gusti. Ma ho deciso ugualmente di andarlo a vedere. Continua a leggere

Pot-pourrì di fine estate

Buonasera amici, lettori, viandanti che per caso arrivate in questo luogo, che ultimamente pare dimenticato dalla sua autrice.
Come avete passato le ferie? Spero bene.
No, io non sono stata in ferie tutto questo tempo in cui sono stata assente, in realtà sono stata fuori di casa solo una settimana (durante la quale, tra l’altro, non sono stata così bene e quindi non mi sono rilassata per niente, nè mi sembra di aver staccato la spina). E per tutto il restante periodo precedente e seguente non ho avuto un’estate di quelle indimenticabili. Anzi, prima la dimentico e meglio è.

L’unica cosa bella che mi ha fatto compagnia, purtroppo per poco più di 15 giorni, sono le Olimpiadi. Continua a leggere

Lavare spesso i capelli non fa male!

Andare dalla parrucchiera è un lusso che non posso permettermi con molta frequenza. Anzi. Negli ultimi anni mi ci reco una sola volta ogni 12 mesi.
A dire il vero, da aprile dello scorso anno, sono riuscita a prendere appuntamento solo la settimana scorsa (e non perchè non avevano posto). Ben 16 mesi. Un bel po’ di tempo, no?

Di solito, me li curo a casa, e decido finalmente di prendermi del tempo per loro andando da un professionista proprio quando le punte chiedono pietà, perchè si aprono, si formano i nodi e mi risulta impossibile andare avanti, perchè diventa complicato pettinarli senza incappare in un nodino.

Continua a leggere

Ti sfido a trovare il tuo valore Tag

wp-1466522636255

Buonasera a tutti!
Dopo mesi di latitanza e turn over dal mondo Tag, ecco che riprendo a farne parte. E lo faccio con un tag per il quale devo fare i complimenti alla creatrice Quindicirighe Michela e un caro ringraziamento per la nomina a Laura di Racconti dal passato .

Ne approfitto anche per dire che, dopo un anno (ammazza che tempi biblici che ho!), ho finalmente inserito la mia e-mail nella pagina di Info&Contacts. Vabbe’, questa era una comunicazione per cui ho colto ora l’occasione di darla.
Ma proseguiamo col tag.

Regole da seguire:
– Usare l’immagine originale del tag
– Citare il creatore del Tag e ringraziare chi vi ha nominato
– Parla del valore che più ti rappresenta
– Rispondere alle 10 domande
– Nominare altri 10 blog.
Continua a leggere