Home » Tra le righe » La Stanza del Silenzio

La Stanza del Silenzio

La stanza del silenzio.

E’ ciò che compare sul link del mio blog.
Direi che a stare in silenzio ci sto riuscendo benissimo. E nonostante questa prolungata assenza, noto che ogni tanto si registra un follower in più. Ringrazio molto chi pone le sue aspettative in questo posto, aspettative di leggere qualcosa di gradevole o interessante. E mi dispiace davvero che ultimamente ho fin troppo trascurato non solo di scrivere, ma anche di leggere e di partecipare nei blog altrui.

In verità, sono settimane che penso a come voler scrivere quello che vorrei esporre, che butto giù qualcosa, poi lascio là… E in tutta franchezza sono lieta di non aver buttato giù istintivamente tutta la negatività che provo negli ultimi tempi. Sono parecchie settimane che, mentalmente, penso e ripenso alle parole da usare per quello che vorrei dire, ossia dare una motivazione della mia assenza, ma non voglio trovarmi a pentirmi per aver detto più del necessario. Anche perché scrivere certe cose, metterle nero su bianco è come se desse la conferma della loro esistenza e concretezza. Scripta manent, dicevano gli antichi…

Gli anni più felici della mia vita, spensierati e senza alcun problema, sono stati i primi nove. Dopo quel momento la mia esistenza è stata segnata da una lunga guerra mai finita costellata di battaglie che si sono susseguite, alternate, a volte accavallate l’una sull’altra. Senza quasi mai una tregua. Troppo presto mi sono trovata a dover fare i conti con il dolore, la sofferenza, l’ansia, la tensione, la frustrazione la stanchezza per non poterne più.
Sono dentro un vortice di negatività. Sono negativa, sguazzo nella negatività e non vedo altro. E mi sento sempre più immersa nella negatività, sempre più dentro, e scivolo sempre più giù e più in fondo ancora. Sempre più lontana da una vita almeno serena, tranquilla… Ormai ho capito che io non potrò mai ambire alla felicità… ma vorrei almeno un po’ di pace… una tregua…
E l’anno che viene, invece, porterà degli sconvolgimenti totali che sgretoleranno il mondo sotto ai miei piedi e tutto ciò che ho (quel poco che ho, perché a 33 anni sento di non avere nulla in mano su cui costruire il mio futuro) finirà.
Vorrei essere ibernata e risvegliarmi tra 2 anni.

Tante volte mi trovo a chiedermi che cosa abbia fatto di sbagliato per dover vivere con dei pesi enormi sulle spalle. Probabilmente, in qualche vita passata devo essere stata una ricercata pluriassassina che ha combinato i peggiori delitti e ora ne sta pagando le conseguenze.
Spesso mi capita di riflettere con mia sorella, di parlare, di cercare di trovare una ragione, un motivo… abbiamo fatto quello che fanno tutti, come siamo arrivate a questo punto?

Tra tutte queste battaglie, ce n’è una che va avanti da molti anni e che in questo 2016 è peggiorata a vista d’occhio.
E il fatto di rimanere a casa, senza un lavoro (situazione che, anche questa, influisce non di poco), di non avere una scusa per poter uscire e “distrarmi”, e quindi di essere costretta a vedere giorno per giorno, ogni istante che passa, il peggioramento di questa situazione, mi logora sempre di più. Mi fa sentire impotente, mi priva di ogni voglia di sorridere, e anche di vivere.
Sono arrivata a un punto nel quale mi riconosco davvero molto stanca e incapace di sopportare qualsiasi cosa possa andare un minimo storta, tanto che mi sto scoprendo litigiosa e polemica, cosa che però riesco ancora a mantenere a freno da fuori, continuando a sentire dentro una rabbia e una voglia di urlare e piangere che mi riesce sempre più difficile nascondere e trattenere. Se solo si presentasse una misera occasione di “litigio” io sono pronta a esplodere. Intendo all’esterno, anche con persone che non conosco.

Vedo la colpa negli altri. E’ tutta colpa del mondo, di tutti e di tutto. Vedo gli altri stare bene, vivere le loro vite frivole fatte di amenità e stupidaggini, leggo di gente depressa perché vorrebbe aprire un canale YouTube ma non ha idee o per altrettanti motivi prettamente futili e dentro di me sale la rabbia più feroce, tanto che se avessi queste persone davanti le brucerei vive ben volentieri. Sento di persone che stanno male perché, poverine, hanno dovuto fare una piccola rinuncia a comprare qualcosa o ad andare da qualche parte…. E non so se provare pena o se invidiarle per la loro vita vuota e senza alcun senso.
Mi capita di andare magari al centro commerciale, e soprattutto ora che è periodo di feste la cosa fa MALE, tanto male, osservare gli altri che stanno bene, scoppiano di salute e sorridono felici, vanno in giro per mano, comprano stupidaggini e ridono in maniera infantile. E mentre guardo tutto questo mi sento persa, persa in un mondo fatto di ingiustizia, in una vita che trova la sua vittima e non fa altro che accanirsi su di essa in ogni modo possibile, quasi per vedere fino a che punto la resistenza di un essere umano può arrivare. Quali limiti di sopportazione esistono? Credo che lo scoprirò…

Qualche tempo fa ho iniziato a provare ammirazione per quelli che si tolgono la vita. E’ un bel coraggio. Sì, ci vuole coraggio. Togliersi dai problemi deve far sentire bene. Ma… se poi fossero vere tutte quelle storie sulle anime che rimangono attaccate alla terra per dei conti che hanno lasciato in sospeso? Sarebbe ancora peggio?

Sono diversi mesi che sento l’esigenza di andare via. Via lontano, via da tutto e via da tutti. Vorrei sparire. Vorrei rimanere in contatto solo ed esclusivamente con la mia famiglia e non sentire più nessun altro. Vorrei eliminare tutti dalla mia vita. Tutti. Vorrei stare sola e ricominciare da zero.
Non sento più niente per nessuno. Neanche per l’amore, che ultimamente non fa altro che contribuire a farmi stare peggio, piuttosto che darmi sostegno e aiuto per sopportare l’insopportabile. E allo stesso tempo ho voglia e paura di tagliare di netto le cose che non vanno. Mi sembra di essere indegna per meritarmi un amore sincero e incondizionato, come se fossi sbagliata e dovessi accontentarmi. E invece io vorrei di più, vorrei il giusto che l’amore può dare, perché me lo merito e sono stanca di dover capire, sopportare, scendere a compromessi…

Per questo, venire qui, cercare di scrivere qualche amenità o leggere e immergermi nelle altre vite al momento mi crea difficoltà. Non riesco a farlo. So bene che dovrei trovare una valvola di sfogo, qualcosa che mi aiuti a fingere che sia tutto normale, ma è più forte di me. Non ce la faccio a scrivere di cose “belle” né a leggerle da parte di altri… anzi…

 

………………………………………………………

A dire il vero, il fatto che NIENTE sembri andar bene (a parte il risultato del referendum, l’unica cosa che finalmente un po’ mi appaga – e ciò la dice lunga su come sono presa) mi ha anche fatto sorgere l’idea (oh beh… in realtà è un bel po’ di tempo che quest’idea mi balena per la testa) di essere sotto effetto di un potentissimo malocchio. Qualcuno che mi vuole veramente male, qualcuno che magari sia invidioso (di cosa? Regalerei volentieri la mia vita a qualcun altro, pur di far cambio con qualcosa di meno triste della mia) di qualcosa che ho o che sono. Per rendere l’idea sulla cattiveria delle persone (e, credetemi, di cattiveria ne ho vista e vissuta tanta da decenni) pur essendo una povera disgraziata senza lavoro, con dei grossi problemi a casa e altri problemi miei di salute e psicosomatici, sono sicura di essere presa di mira per delle cose stupidissime (come il fatto di poetr mangiare quantità di pasta, pane e dolci senza mettere su un chilo). E basta uno sguardo delle persone colto di sfuggita per leggere nei loro occhi il modo in cui ti stanno guardando e cosa stanno pensando. Puoi avere il peggiore dei problemi ed essere notoriamente in una condizione non invidiabile, la gente troverà comunque un motivo per invidiarti e tirartela. E questa sensazione non mi si toglie dalla mente…

 

Non so se qualcuno tra voi leggerà e commenterà questo post…. Vi prego solo di non offendervi se mi asterrò dal rispondere…

Annunci

13 thoughts on “La Stanza del Silenzio

  1. Secondo me dovresti cambiare aria…. non sei sempre tu a dover comprendere… delle volte anche il tuo amore deve piegarsi e farti uscire da questo stato mentale che maggiormente ti frustra! Purtroppo è anche vero che la vita si riflette a noi in base a come la guardiamo…. anche io nn ho grando momenti soleggiati.. e di frustrazioni nn ne ho poche.. quella più grossa sono le amicizie che sono più brava a perdere che nn a guadagnare che come evasione farebbero tanto ed invece finiscono ad incidere come ulteriore frustrazione aggiunta.

    Liked by 1 persona

    • Eccomi qui, cara ❤
      Intanto grazie, perchè vedo che ti preoccupi e sei presente e di questo te ne sono grata. Sei davvero gentile.
      Beh… sai che è un po' che sento la necessità di andarmene e lasciare tutti e tutto? Vorrei cambiare posto e ricominciare da zero, iniziare daccapo una nuova vita e mollare tutto quello che mi fa stare male. Cosa che probabilmente succederà. Credo di essere quasi totalmente sicura di andarmene all'estero. Qui non trovo nessun lavoro, sembra che per me non ci sia proprio posto, che nessuno mi voglia. E l'unica via sembra essere solo una. Solo che sono già tanto provata dalla vita e tenere duro per una esperienza all'estero completamente sola e allo sbando richiede tanta forza d'animo che non so se ho ancora. Certo è che se sono arrivata fino ad ora ancora in piedi, un po' di arroganza per dire "sono più forte di tante altre persone" ce l'ho.
      E non parlarmi di amicizie…. concordo sul fatto che non fanno altro che aggiungere altre frustrazioni e il giro che ho (intendo le persone che vedo di più) è veramente denigrante. Sai quelle persone che girano bandiera come cambia il vento, che dicono una cosa e ne fanno un'altra, che sono pronte a puntare il dito senza neppure conoscere i fatti? Ecco. Sono proprio stanca e l'ultima volta ho sbottato e avvertito che io sto bene anche da sola perchè non ho tempo ed energie per stare dietro ai capricci dei bambini dell'asilo. Non ne potevo più. E' venuto fuori che era colpa mia che una era uscita dal gruppo chat perchè aveva chiesto se tra quelle più vicine ci si trovava per un caffè. E ovviamente ogni momento è buono per tirare frecciatine del tipo "Eh, ma se fossimo vicine sai che pomeriggi?", riferiti a me che invece "me la tiro". C'è stato un periodo che vedevo ospedali ogni settimana, sai che voglia di passare il tempo con gente così stupida e superficiale!
      Ma conosco sempre persone sbagliate? Quelle con cui mi trovo meglio a parlare stanno sempre molto lontane da me…. uffa….
      E tu come stai? Come procedono le tue attività?
      Ti abbraccio.

      Liked by 1 persona

      • io sono preoccupata di questo tuo continuo sprofondare.. le mie attività mi assorbono e delle volte mi stufano.. perchè con entusiasmo e voglia di crescere.. mi prodigo di qua e di la.. ma ci fosse mai una che oltre a rispondere al commento che lascio o a mettere un fottuto like… non si degnano nemmeno di porsi il problema del fatto che io abbia un blog o meno….. il tutto è sempre rigorosamente rilegato e ricondotto a tutte ste grandi scrittrici di blog puramente italiane che se la stra tirano… come se l’avessero solo loro… e poi mi cì faccio forza e dico.. non temere vedremo passare il cadavere… ahahahah
        beh io di news forse qualcuna l’avrei….
        in settembre erano andati via gli inquilini di sotto perchè il fantomatico fidanzata di lei.. dicharata abitare qui sotto.. dopo che si spacciò per inquilino e mi venne a rompere le palle per gliurli e la televisione e chi sa che cazzo voleva altro…… sono andati via… e gg fa ho visto il cadavere passare.. perhè non solo si sono spostati di solo qualche metro da questo palazzo.. ma lei era bella incinta e quando ho realizzato che fosse lei… mi sono messa a ridere ed ho detto.. la vendetta è un piatto che si gusta freddo….
        la seconda cosa più bella che mi è capitata è stato in un mercatino dell’usato qui a bologna avevo trovato le basi per realizzare i cappelli… ti avevo detto del mio blog di cappelli?
        beh stavo dietro ad una modista da tre anni…. ma avevo vergogna di presentarmi e chiederle se mi insegnava….. quando però il tipo mi ha detto che le teste erano di una vecchia modista.. e bla bla bla… è venuto fuori che era lei… il mio idolo.. che si stava per ritirare.. ho preso la palla al balzo.. messo via timori e paure… ora o mai più…. e sono andata alla sua atelier… ho parlato… preso altre teste.. mi insegnerà qualcosa….. e chissà come andrà a finire….. sono molto elettrizzata per questo… però lasciando da parte i tuoi problemi fisici…. domani piangerai di non aver fatto quello che volevi davvero…. quindi tesoro bello….. il mio prossimo commento da leggere spero sia…
        ciao Anto… cercherò di aggiornarti.. ma sappi che mi sono messa uno zaino sulle spalle e sono andata via.. per realizzare la mia vita…..
        io invece in luglio voglio organizzare le mie ferie in una scuola in spagna a studiare spagnolo coi bimbi sul mare. vado a documentarmi… un mega bacione

        Mi piace

  2. Non sai quanto ti capisco: pure a me è insorto un problema di salute al momento non grave ma comunque degenerativo e senza grandi soluzioni.
    Tuttavia io al momento la prendo….meno sul piano dell’invidia. Cioè non mi fanno rabbia le persone senza problemi bensì le invidio facendo un sospiro.

    In ogni caso è curioso notare come i vecchi problemi ci sembrino ,adesso, delle fesserie.
    Come cambiano le priorità!!!
    La verità è che nella vita spesso ci si lamenta per cazzate, perchè finchè c’è la salute…. ogni porta è potenzialmente aperta.

    Se penso poi a perchè sia capitato a me………….. mi restano solo bestemmie!
    Altro che preghiere….

    Liked by 1 persona

    • Ciao e scusami se ti rispondo adesso.
      Mi dispiace per ciò che ti sta succedendo e ti faccio i miei più grandi auguri.
      Vedi, la mia è sì invidia perchè invidio (non posso farci niente, dopo una vita che non mi dà tregua da 25 anni, credo di avere il diritto di sfogarmi in qualche modo, e quindi di provare anche invidia) coloro che non hanno alcun problema oppure ne hanno ma di poco conto.
      E mi fa rabbia che alcuni non abbiano alcuna idea di quanto oltre si possa andare e che non si rendano affatto conto. C’è chi non ne può più e chi non si rende conto neanche del posto in cui vive. E che, come se non bastasse, si permette pure di prenderti in giro se tu, che sei a un passo dal fare un atto contro te stesso, osi lamentarti. Stessero almeno zitti e si rendessero conto della loro fortuna!
      Le persone si perdono e si lamentano per futilità che non hanno senso e questo mi dà un fastidio… E spesso mi ritrovo a chiedermi “Ma se quella persona fosse al posto mio sarebbe già morta? Si sarebbe drogata?”. La gente crolla per cazzate.

      Ancora un grande in bocca al lupo.

      Liked by 1 persona

    • Cara…. ciao! Ho letto il tuo commento più su… volevo anche risponderti, ci penso e poi mi sfugge sempre…. sono pessima….
      Ovviamente il periodo schifoso non è finito, anzi… sto cercando un modo per venirne fuori e trovare una via migliore per andare avanti.
      Tu come stai?
      PS: al tuo ultimo commento sopra non mi appare “rispondi”, devo provare dalle notifiche.

      Liked by 1 persona

      • Oh per bacco e che sarà mai successo? Strano… beh cmq mi frulla di chiudere un po tutto qui… tempo fa un amico mi ha scritto un sms dicendo. … torno a prendere la mia vita in mabo ho chiuso il blog. Allora mi sta farfugliando qualcosa del genere.. ma mi sento troppo abbattuta….. in tutto ciò sto affrontandi situazioni belle toste nella mia vita.. ma la realtà dei fatti è chi vivo bene nel blog a differenza che fuori.. quindi se chiudessi x una vita migliore che mi reclama potrei anche capire… ma x come stanno le cose adesso almeno sul blog me la spasso. Boh a me questi ultimi sette anni hanno solo sprofondato la mia esistenza.. sempre con altu e bassi come x tutti.. ma a fare un resoconto… di questa esperienza non poso dire di aver raccolto qualcosa di buono… che ne so… boh….

        Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...